Rovistando in soffitta, nella casa dei genitori della mia compagna Jun, durante la lunga quarantena cinese per il Covid-19, riceviamo una bellissima sorpresa dal passato. Di cosa si tratta? Precisamente di un grosso volume dalla copertina in bianco contrassegnata da un titolo in giapponese che, almeno inizialmente, sembra indicarmi ben poco.

Abbastanza incuriosito decido, su consiglio della stessa Jun – già a conoscenza del suo contenuto – di aprirlo. Il libro, acquistato da lei diversi anni prima a Pechino, comprende una preziosa raccolta fotografica di schizzi e disegni preparativi, frutto del lavoro realizzato dal celebre Studio Ghibli: uno degli studi cinematografici giapponesi, specializzati in animazione, più famosi al mondo. Nato nel 1985, dall’incontro tra Hayao Miyazaki, Isao Takahata, Takuma Yasuyoshi (nella veste di presidente) e Hara Toru (come direttore amministrativo delegato), lo Studio Ghibli realizza, a partire dal 1986, una serie di capolavori di animazione di altissimo livello che presto diventeranno dei veri e propri ‘cult’ per intere generazioni. Il volume, un bellissimo omaggio al cinema giapponese, raccoglie alcuni tra i film d’animazione e produzioni dello  ripercorrendone la storia attraverso i disegni e gli sketch di capolavori come Laputa – Castle in the sky (‘Laputa – castello nel cielo’); My neighbor Totoro (‘Il mio vicino Totoro’) e moltissimi altri.

(per scoprire l’intera lista dei capolavori che si celano nel volume percorri le slide)

Il volume, che rappresenta uno scorcio in parte inedito per questi capolavori cinematografici, consente al pubblico e a tutti gli amanti della casa di produzione giapponese, di avvicinarsi al lungo, faticoso e invisibile lavoro finalizzato alla realizzazione di una pellicola d’animazione. Attraverso questo materiale perciò possiamo avvicinarci alle prime fasi di studio e lavorazione di un cartone animato e, allo stesso tempo, relazionarci con i grandi maestri della tradizione nipponica quali, ad esempio, Hayao Miyazaki e Isao Takahata che, come ben sappiamo, hanno fatto la storia e la fortuna del cinema d’animazione giapponese ma anche osservare, più da vicino, i disegni realizzati per registi esordienti quali Mochizuki Tomomi e Kondō Yoshifumi che, a partire dai primi anni ‘90, vengono integrati nel team dello Studio Ghibli. Nonostante nel libro vengono riportati esclusivamente schizzi e disegni realizzati a matita e appena colorati a pastello, riusciamo comunque a riconoscere il grandissimo talento di questi ‘pionieri’ dell’animazione nipponica e mondiale che, attraverso la loro creatività passione e impegno, ci hanno consentito di ‘vivere’, entusiasmanti avventure in compagnia di personaggi bizzarri e fantastici.

 (N.d.R.):  1. La produzione di Nausicaa nella valle del vento oggi viene, erroneamente, attribuita allo Studio Ghibli. In realtà la pellicola, uscita nel 1984, è realizzata da Topcraft e distribuita dalla Toei Company. Cfr.  https://it.wikipedia.org/wiki/Nausica%C3%A4_della_Valle_del_vento_(film)

2. Non sono riuscito a risalire, purtroppo, al nome del prezioso volume giapponese dal quale ho estratto i contenuti per via di comprensibili difficoltà di traduzione.

Bibliografia:

M. R. NOVIELLI, Animerama: Storia del cinema di animazione, Marsilio Editore, 2015

Jes

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categoria

Cultura

Tag

, , , , , , , , ,