Made in China (black and white)

Made in China

I

L’Oriente si unisce all’Occidente,

l’Occidente all’Oriente;

universi lontani

si fondono in mille trame.

II

La parola,

ideogramma in inchiostro nero,

 un suono, un arcano mistero.

III

Il sorriso,

linee e solchi nel viso,

come occhi per il saggio,

 unica fonte del linguaggio.

IV

Il paesaggio,

linee e onde,

mura e architetture,

antiche montagne,

un tempo divine,

urbane sculture.

V

Il sacro e il profano,

la meditazione di Gotama,

visi chini

su telefoni cellulari.

VI.

In balìa delle onde,

tra contrasti e contraddizioni,

la Cina corre

verso nuove evoluzioni.

 

Made in China  (black & white) è una raccolta di 19 fotografie in bianco e nero scattate durante un breve viaggio, di circa 25 giorni, in Cina.  Il percorso in treno, compiuto da nord a sud, si è svolto principalmente in 7 diverse città (Pechino, Luoyang, Yichang, Zhangjiajie, Canton e Yangjiang) e nelle loro aree circostanti.

Emozioni e stati d’animo, trasformati in fotografia, diventano una descrizione dell’Oriente; un ritratto visivo della Cina.


Clicca sulle riproduzioni per visualizzare le fotografie


 

Foto: @Jesbek

Made in China

Made in China

I

L’Oriente si unisce all’Occidente,

l’Occidente all’Oriente;

universi lontani

si fondono in mille trame.

II

La parola,

ideogramma in inchiostro nero,

 un suono, un arcano mistero.

III

Il sorriso,

linee e solchi nel viso,

come occhi per il saggio,

 unica fonte del linguaggio.

IV

Il paesaggio,

linee e onde,

mura e architetture,

antiche montagne,

un tempo divine,

urbane sculture.

V

Il sacro e il profano,

la meditazione di Gotama,

visi chini

su telefoni cellulari.

VI.

In balìa delle onde,

tra contrasti e contraddizioni,

la Cina corre

verso nuove evoluzioni.

 

Made in China è una raccolta di 87 fotografie a colori scattate durante un breve viaggio, di circa 25 giorni, in Cina.  Il percorso in treno, compiuto da nord a sud, si è svolto principalmente in 7 diverse città (Pechino, Luoyang, Yichang, Zhangjiajie, Canton e Yangjiang) e nelle loro aree circostanti.

Emozioni e stati d’animo, trasformati in fotografia, diventano una descrizione dell’Oriente; un ritratto visivo della Cina.


♦ Clicca sulle riproduzioni per visualizzare le fotografie ♦


 

Foto: @Jesbek

La geometria dei miei viaggi. Linee, punti, ombre

La prima rassegna fotografica del labirinto intitolata La geometria dei miei viaggi. Linee, punti, ombre è inaugurata da Giacinto Licursi. Il giovane fotografo molisano ci presenta un ciclo di foto personali scattate tra il 2013 e il 2017 in tre diverse nazioni europee (Francia, Grecia e Italia). In esse si alternano, in perfetta simbiosi, scatti a colori con immagini in bianco e nero dove, mediante la magia dell’obiettivo, Licursi riesce a cogliere l’istante immortalando paesaggi, luoghi e figure umane. Nelle foto in bianco e nero, realizzate nel 2013 a Parigi, la magia, il romanticismo e la vitalità della città francese rivivono nelle panoramiche Tour Eiffel mon chériSacré-couer e in Art Nouveau o stile floreale dove presenze umane ed elementi urbani consolidano il contenuto delle immagini. Più recenti, invece, sono le fotografie compiute in Grecia nel 2015 presso Atene e Thira. Negli scatti fotografici ateniesi Licursi si sofferma esclusivamente sulla figura umana ritraendo la vivacità del quartiere anarchico greco Exarchia come si vede in Exarchia o l’anarchia del quotidianoPresenze e Gli anarchici del Politecnico. Molto diverse, invece, sono le foto effettuate a Thira in cui le luci, i colori e le forme di Geometrie greco-ortodosse si alternano alle ombre ed i chiaroscuri di Panni stesi al sole ad asciugare. Il viaggio nel quale ci ha condotto Licursi si conclude in Italia con alcune foto, rigorosamente in bianco e nero, scattate tra il 2016 e il 2017. In questo caso, ancora una volta, il fotografo è alla ricerca dell’attimo che viene colto in Bacio sotto i faraglioni, caratterizzato dai personaggi siciliani in La bottega del marinaio e reso eterno dalla natura in Realtà parallele.


♦ Clicca sulle riproduzioni per visualizzare le fotografie ♦


Foto: @Giacinto Licursi

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: