Per non dimenticare

Ripenso – è ancora orribilmente vivido il ricordo –  ai terribili e tragici fatti accaduti a Genova, nel 2001, in occasione del G8. Immagini di inaudita ferocia, sconcertante e surreale violenza, indelebili, mi divorano, arrecandomi un atroce senso di angoscia e paura. Non riesco a dimenticare – nonostante non mi trovassi fisicamente a Genova – quell’alienante e cruda violenza;  quei gruppi di poliziotti squadristi, mascherati da agenti della gestapo, pestare, con calci, manganellate e pugni, uomini indifesi che, grondanti di rosso e grumoso sangue, chiedono aiuto, invano, con sorde grida di orrore e paura. Non riesco – proprio non ci riesco – a dimenticare il corpo morto di Carlo Giuliani, disteso al suolo, su una raccapricciante chiazza di sangue; quel corpo, abbandonato a terra – come quello di Cristo – privo di soccorso alcuno, calpestato, ripetutamente, dalle ruote di un Land Rover dei Carabinieri. La mente non riesce a dimenticare fatti così atroci. Non dimentica l’efferata e orrenda violenza delle forze dell’ordine contro i manifestanti all’interno della scuola Diaz; il sangue innocente, in stato liquido, tra i suoi pavimenti e le sue mura, mentre, in un clima surreale e spaventoso, uomini in divisa infliggono violenze fisiche e verbali canticchiando cori inneggianti al duce e blaterando parole fasciste. Non posso dimenticare le lacrime, il rosso sangue, il dolore e le ferite inflitte da violenti criminali armati contro persone indifese; i tentativi delle forze dell’ordine di “insabbiare” la morte di un Uomo; la loro censura verso gli organi di informazione e il sequestro di testimonianze fotografiche e video sottratte, vigliaccamente, ai manifestanti; le loro bugie e il clima di omertà che li ha contraddistinti in tutta la terribile e tragica vicenda.

∴∴∴

Travolto da un turbinio di sensazioni orribili, quest’opaco e oscuro inchiostro nero, colmo di profondo dolore, si posa, ora, sulla carta diventando, così, il mio umile omaggio verso i manifestanti, la mia testimonianza, per non dimenticare. 

 

 

Jes

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: